The 80/10/10 diet è un libro che tutti i crudisti o aspiranti tali, a mio parere, dovrebbero leggere, ma apporterebbe conoscenze imperdibili anche a qualsiasi onnivoro-vegetariano-vegano volesse ampliare la sua cultura nutrizionale.

È un vero peccato che, a tutt'oggi, non ne esista un'edizione italiana!

Preciso che il "diet" del titolo è da intendersi come "alimentazione" nel senso più ampio del termine, piuttosto che come "restrizione alimentare temporanea". Doug Graham mette in pratica da molti anni quello che scrive e che va dicendo: crudista dal 1978, da una vita atleta ed ultramaratoneta, segue in qualità di trainer atleti di tutto il mondo per aiutarli a massimizzare la propria performance tramite l'alimentazione. Egli stesso, perciò, è l'esempio più chiaro e lampante del benessere e della prestanza fisica che si possono raggiungere con questo stile di vita.

 

All'inizio del testo, l'autore si chiede come fare a trasmettere l'enorme mole di conoscenza acquisita senza tediare il lettore con troppe tabelle piene di dati… ritengo che con il suo stile espositivo diretto e semplice, ma esauriente ed approfondito, sia riuscito in pieno nel suo intento. Ogni pagina ed ogni capitolo contribuiscono, infatti, a far luce sulle più comuni domande che nascono spontanee a chi abbia deciso di assumersi la piena responsabilità della propria alimentazione e/o desideri superare, percorrendo questa via, qualche problema di salute.

Il libro si apre con un tributo a T.C. Fry, che gli insegnò i fondamenti dell'Igienismo Naturale, stimolando la sua capacità critica, fino a trovare la propria verità personale. Fanno parte di questi insegnamenti i contenuti dei paragrafi successivi, che parlano del perché l'uomo sia un essere fondamentalmente fruttariano, dell'importanza dei prodotti integri, naturali e non processati e delle motivazioni per cui l'uomo medio occidentale si ritrova ad un certo punto della vita a dover fare i conti con una salute compromessa.

Tabelle alla mano, Graham ci elenca i fattori che promuovono la salute, invitandoci a valutare, da zero a dieci, quanto noi abbiamo cura di ciascuna voce dell'elenco, chiedendoci, provocatoriamente, se stiamo davvero prosperando o solamente sopravvivendo!

Pagina dopo pagina, demolisce i miti della carne e del latte, ma anche dei cereali e dei legumi, con argomentazioni logiche e cristalline; rimane la frutta, le verdure e pochissimi semi e noci per l'alimentazione elettiva, capace di portare l'organismo a quella “prosperità” salutare prima citata, insieme a tutti gli altri fattori del benessere.

Nel capitolo successivo, ci spiega perché la frutta è alla base di una sana alimentazione, spaziando dall'indice glicemico ai meccanismi regolatori della risposta insulinica in relazione all'apporto di grassi con la dieta. L'argomento è “sviscerato” da tutte le possibili angolazioni, comprese le eventuali problematiche che si possono presentare.

Prosegue, quindi, con una lunga dissertazione sul perché un'alimentazione a basso apporto di grassi sia di gran lunga preferibile per raggiungere una piena salute ed un alto livello di energia e prestazioni. Elenca, a questo punto. quattro criteri per definire una dieta salutare, quindi dedica un intero capitolo alla questione del giusto peso e di come raggiungerlo e/o mantenerlo.

In particolare, nel capitolo 4 introduce il concetto di caloronutrienti, termine coniato da lui e dalla moglie per identificare la proporzione tra i macronutrienti (carboidrati, proteine e grassi). La successiva sezione del libro spiega come e perché egli sia pervenuto a consigliare le proporzioni 80/10/10, che significano 80% minimo di carboidrati, 10% massimo di proteine, così come di grassi.


Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento, anche di “terze parti”. Per conoscere il funzionamento dei Cookie, per bloccarne in tutto o in parte l’utilizzo e per conoscere tutte le informazioni relative al trattamento dei dati personali è possibile visualizzare la pagina di informativa estesa. L’utilizzo di questo sito, la navigazione verso altre pagine o la chiusura della presente finestra rappresentano un esplicito consenso all’uso dei Cookie Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e su come gestirli, consultare il nostro politica sulla riservatezza.

Accetto i cookie da questo sito

EU Cookie Directive Plugin Information